Pesca grossa a Cernobbio

Dal fondale del lago di Como, a Cernobbio, recuperate 18 bombe della seconda guerra mondiale.

 

La macchina delle operazioni di recupero è stata attivata su segnalazione di un diver in immersione nell'area del ritrovamento. L'evento fortuito ha reso necessaria l'organizzazione delle attività di monitoraggio nello specchio d'acqua indicato a seguito di una riunione a cui hanno preso parte il personale del Gruppo Operativo Subacquei di La Spezia, il Nucleo Artificieri del Comando Forze Operative COMFOP-NORD di Padova, il 10° Reggimento Genio Guastatori di Cremona, le Forze di Polizia e la Polizia Locale (per la gestione logistica, del traffico veicolare e la sicurezza in acqua), il Sindaco del Comune di Cernobbio, l'Autorità di Bacino ed Esercizio di Navigazione del lago di Como.

L'intervento di bonifica, coordinato con il personale dello SDAI (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi) della Marina Militare, ha preso il via martedì 20 novembre ed è proseguito durante tutta la settimana, fino a venerdì 23, portando all'identificazione e alla rimozione del materiale bellico segnalato. La procedura è terminata con il brillamento dei 18 ordigni, tutti di costruzione italiana, di cui 17 bombe da mortaio, modello BRIXIA, e una bomba a mano OTO mod. 35.

Una zona non nuova a questo genere di "sorprese": nel maggio 2017, durante un'esercitazione, alcuni sommozzatori di Verbania, a poca distanza dal rinvenimento più recente, avevano scorto alcuni residui bellici ed ossa. Secondo qualcuno i resti umani avrebbero potuto essere in relazione con la seconda guerra mondiale. In particolare con la tormentata vicenda di "Neri e Gianna", al secolo Luigi Canali e Giuseppina Tuissi, i due fidanzati gettati nel Lario dalla purtroppo nota scogliera di fronte a Villa Pizzo nell'ambito del famoso mistero legato alla sparizione dell'"oro di dongo" di Mussolini, la cui esecuzione è avvenuta a pochi chilometri dalla Villa. Ebbene, stando al campo delle ipotesi, quei frammenti ossei potrebbero appartenere a Gianna. 

Dott. Riccardo Ravizza  - All Rights Reserved

Ruolo periti ed esperti n. VA - 748  - p.iva 03509240127 


QUESTO SITO WEB UTILIZZA SCRIPTS E GOOGLE ANALYTICS...

X

Right Click

No right click